Nepal 2019. I sogni non sono in discesa. [montagna; limiti]

Il mio rapporto con la montagna è cambiato da quanto sono stata in Nepal. Che poi, detto da una che è nata tra le Dolomiti, sembra un paradosso, ma non lo è. Appena tornata in Italia, mi sono totalmente appassionata alle storie di alpinisti che in Nepal hanno compiuto la loro impresa, quelli che ce l’hanno fatta, quelli che non ce l’hanno fatta. Mi ha affascinato questo rapporto tra le fragilità dell’uomo e la montagna muta, che, proprio perché le risposte non te le dà, diventa invece così attraente.
In Nepal c’è però un altro sentimento che vive in montagna, che non avevo mai considerato: la spiritualità del paesaggio. La montagna è la “dimora degli dei”, a cui abbandoni la tua ostinata voglia di prevedere l’imprevedibile, la costante sfida con te stesso e dove riesci a dare un senso anche ai tuoi limiti.
E la cosa più affascinante è che in un viaggio che appare più solitario degli altri, è difficile pure provare un senso di solitudine, perché qui la montagna è viva.

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: