Una lezione di progresso [viaggio in Iran; umiltà]

 

Quando torni da un viaggio è difficile scegliere cosa ricordare. Ti accorgi di cosa ti è rimasto davvero, quando? Forse al quarto, quinto racconto? E dell’Iran la verità è che, ogni volta, mentre racconti, capisci qualcosa in più del suo universo, a tratti così impenetrabile, che ha il potere di suscitare nella tua testa solo riverenza, stupore, rispetto.

Perché al di lá di quello strano connubio tra religione e politica che sa di tradizione millenaria e senso di appartenenza di cui noi abbiamo quasi completamente perso il gusto, ciò che mi è rimasto di questo viaggio è la purezza della gente.
La rivoluzione silenziosa e gentile che gli iraniani stanno portando avanti con il sostegno della politica, scegliendo di sorridere allo straniero, al viaggiatore o semplicemente all’uomo.
Cercando di trasgredire, con umiltà, le leggi della repubblica islamica per chiedersi, da semplici cittadini se, oltre a questi limiti, ci può essere un mondo diverso, un’alternativa, una evoluzione.
Una lezione non da poco, perché tutto questo, si chiama progresso.

(Nella piazza di Naqsh-e jahàn a Isfahan)

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: